Fonte: Tempi economici

L'India è ben posizionata per attrarre investimenti da Giappone, Stati Uniti, Europa e persino Cina, data la sua posizione geografica, le dimensioni del mercato interno e la struttura dei costi relativamente più bassa, ha affermato oggi un ministro di Singapore.

"Le priorità di sviluppo e l'agenda economica del nuovo governo indiano (anche) presentano interessanti possibilità di collaborazione con Singapore", ha affermato S Iswaran, secondo ministro del commercio e dell'industria in un simposio sulle prospettive di business in India.

Mentre è ancora agli inizi, il nuovo governo ha annunciato diverse iniziative chiave, come "Make in India", Swachh Bharat e città intelligenti, ha detto.

Ha sottolineato la crescente fiducia in India, sottolineando la forte leadership del Primo Ministro Narendra Modi, che ha inaugurato "un'era di stabilità politica, certezza e crescita in India".

Iswaran ha sottolineato i cinque decenni di buoni rapporti diplomatici tra Singapore e India.

"Non vediamo l'ora di elevare il rapporto Singapore-India a livelli più alti e attraverso diverse modalità di collaborazione presso il Centro e anche negli Stati".

Singapore e India celebreranno i cinque decenni di relazioni diplomatiche bilaterali il prossimo anno, che segna anche gli anni di indipendenza del Paese 50.

Rivolgendosi ai delegati 300 al Simposio commerciale Singapore-India, Iswaran ha ribadito l'interesse di Singapore a contribuire alla missione dell'India di sviluppare città intelligenti e sostenibili.

"Ci è stato chiesto dal governo indiano di condividere la nostra esperienza nell'urbanizzazione e nello sviluppo delle città", ha aggiunto, aggiungendo che i settori pubblico e privato di Singapore potrebbero dare un contributo significativo all'esperienza acquisita nel corso dei cinque decenni nello sviluppo dello stato della città.

"Pertanto, stiamo valutando attivamente il modo migliore di collaborare con il governo centrale nella sua iniziativa" Smart Cities "e anche con Stati come il nuovo Andhra Pradesh nel suo progetto Capital City.

"Questo impegno consentirà inoltre alle aziende di Singapore di partecipare alle esigenze e alle opportunità a valle in settori quali lo sviluppo delle aree urbane, i parchi industriali e informatici, nonché servizi come l'acqua e l'energia", ha affermato.

Il ministro ha anche visto l'importante ruolo dell'India nell'Asia del Pacifico.

"Guardando oltre le relazioni bilaterali, Singapore ha sempre sostenuto e sostenuto l'integrazione dell'India nella regione più ampia", ha affermato.

Iswaran vede l'India collegata ai paesi 16 attraverso il Partenariato economico globale regionale (RCEP), che è in fase di negoziazione che coinvolge i paesi 10 nel sud-est asiatico, nonché Cina, Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda.

"Data la portata e la composizione del mercato RCEP, è di particolare importanza per l'India, in quanto è uno dei maggiori esportatori di servizi e il suo obiettivo è aumentare la sua quota delle esportazioni di merci attraverso la produzione", ha affermato.

"Un RCEP di alta qualità avrà quindi un valore significativo per l'ambizione manifatturiera dell'India e non vedo l'ora di partecipare attivamente all'India in questo importante sforzo di integrazione regionale", ha aggiunto.

Al simposio hanno partecipato il gruppo principale della Confederazione delle industrie indiane guidato dal presidente Ajay S Shriram.