Fonte: Tempi economici

I vertici del settore bancario indiano convergeranno all'inizio del nuovo anno in un Gyan Sangam o "Confluenza di conoscenza" presso l'Istituto nazionale di gestione delle banche di Pune per elaborare una strategia per rilanciare il malato settore bancario di proprietà statale, che è impantanato giù da una montagna di crediti inesigibili, interferenze politiche e mancanza di consolidamento.

Saranno presenti il ​​Primo Ministro Narendra Modi, il ministro delle finanze Arun Jaitley e il governatore della Reserve Bank of India Raghuram Rajan insieme a capi di banca statali e altri. I capi della banca saranno trasportati sul posto in autobus di lusso dagli aeroporti di Mumbai e Pune per l'evento 2-3 di gennaio, con il viaggio organizzato dal Center for Advanced Financial Research and Learning (Cafral). Nel corso della riunione i presidenti e i direttori esecutivi rifletteranno sulle riforme delle banche statali.

"Il ministero delle finanze ha fornito sei argomenti su cui i massimi dirigenti delibereranno e discuteranno", ha affermato un alto funzionario bancario con conoscenza diretta della questione.

Modi e Jaitley si uniranno a loro il secondo giorno, quando si prevede di discutere argomenti come il prestito prioritario del settore, l'inclusione finanziaria, le risorse umane, il consolidamento, i meccanismi di recupero e la tecnologia. Ad agosto, il Primo Ministro ha lanciato il Pradhan Mantri Jan-Dhan Yojana, un sistema di inclusione finanziaria per garantire a tutti in India un conto bancario. Secondo il ministero delle finanze, a partire da settembre sono stati aperti sul conto dei conti bancari di 4.

Alcuni dirigenti hanno affermato che questo sforzo ha allontanato il personale dalle normali attività bancarie nel tentativo di raggiungere gli obiettivi di iscrizione previsti dal sistema. Nel frattempo, le banche di proprietà statale hanno dovuto far fronte a prestiti concessi al settore prioritario, tra cui l'agricoltura, l'istruzione e i soggetti meno privilegiati. L'India ha bisogno di essere più chiara riguardo allo scopo che servono le banche di proprietà statale, ha detto un ex capo della banca. "Il governo dovrebbe prima decidere se vogliono che le banche del PSU (unità del settore pubblico) realizzino buoni profitti o partecipino alla costruzione della nazione", ha affermato Pratip Chaudhuri, ex presidente della BSE 0.24% della State Bank of India. "Non è possibile chiedere l'espansione dei prestiti agricoli e quindi annunciare un regime di esenzione dal debito, paralizzando il processo di recupero".

Il recupero di crediti inesigibili è una sfida e alcuni tribunali per il recupero crediti devono essere riformati, hanno detto alcuni banchieri. Inoltre, la pressione politica entra in gioco quando le banche statali tentano di recuperare i prestiti. Il rapporto patrimoniale lordo non performante è aumentato a 4.5% a settembre da 4.1% a marzo, secondo gli ultimi dati RBI. Molti hanno problemi di personale. Secondo una stima di McKinsey India, l'75% dell'alta dirigenza o quelli al di sopra del grado dell'assistente direttore generale devono ritirarsi da 2020.

A livelli più alti, come il direttore esecutivo e il presidente, le banche statali stanno lottando con posti vacanti che non sono stati occupati da tempo. Non sono stati nominati circa sei-otto posti di presidente e diversi incarichi di direttore esecutivo rimangono non occupati. Il sistema bancario indiano deve essere consolidato per acquisire un peso globale, hanno detto gli esperti.

La più grande del paese, la State Bank of India, non figura nell'elenco dei migliori 30 del mondo. “Un gran numero di banche dovrebbe essere ridotto per rimanere competitivo sul mercato. Ciò lascerà spazio alla razionalizzazione dei costi operativi con l'aiuto di piattaforme IT ", ha affermato D Sarkar, ex presidente e amministratore delegato, Union Bank of India, BSE 1.48%. Nel frattempo, alcune parti del paese, come il nordest, sono scarsamente servite in qualche modo. Ad esempio, gli sportelli bancomat di banche statali non vi lavorano la maggior parte del tempo. "Questo di per sé indica un rallentamento tecnologico", ha detto un dirigente della banca che non voleva essere nominato.

del tempo. "Questo di per sé indica un rallentamento tecnologico", ha detto un dirigente della banca che non voleva essere nominato.

del tempo. "Questo di per sé indica un rallentamento tecnologico", ha detto un dirigente della banca che non voleva essere nominato.